Archivio per Marzo 2010

Il 22 marzo si celebra la giornata mondiale per l’acqua a cui aderiscono associazioni ambientaliste di tutto il mondo. In italia si è svolta una manifestazione a Roma promossa dal forum per l’acqua.

Comments Nessun Commento »

Il 21 marzo si celebra il Newroz, il Capodanno kurdo, che vede ogni anno grandissime manifestazioni di popolo ma che purtroppo registra ogni anno incidenti con la polizia durante i quali ci sono state nel corso degli anni anche diverse vittime tra i civili. Per questo motivo ogni anno una delegazione composta da rappresentanti della società civile si reca in Kurdistan per partecipare a queste manifestazioni con il ruolo di osservatori internazionali.
NEWROZ
PIROZ BE!

Comments Nessun Commento »

Il 21 marzo si celebra la giornata mondiale della poesia. Dagli angoli più reconditi del pianeta sale il messaggio della poesia come linguaggio universale di fratellanza e di pace tra tutti gli umani.

Se solo per un giorno l’uomo potesse smettere di pianificare
se solo per un giorno l’uomo potesse guardare dentro di sè
se solo per un giorno l’amore potesse irrigare le terre intrise d’odio
se solo per un giorno tutti i muri potessero crollare
se solo per un unico giorno

Comments Nessun Commento »

Si è svolta il 20 marzo la giornata mondiale contro le guerre in occasione dell’anniversario dell’inizio della guerra in Iraq che era iniziata nel 2003. Manifestazioni in tutto il mondo soprattutto negli Stati Uniti.

CONTRO TUTTE LE GUERRE — PER LA PACE PREVENTIVA
NON IN NOSTRO NOME

CHIEDIAMO
Il ritiro immediato di tutte le truppe occupanti dall’Afghanistan e dall’Iraq (inclusi i contractors).
La fine della pulizia etnica israeliana a Gerusalemme Est e nelle altre città della Cisgiordania, dell’assedio di Gaza, della repressione in Kurdistan.
Lo stop ai preparativi di guerra contro l’Iran.
CHIEDIAMO
La riduzione delle astronomiche spese militari — sempre in aumento — in favore di maggiori investimenti sociali e la sostituzione della cultura di guerra al terrorismo (che ha prodotto Guantanamo, prigioni segrete e soppressione di molti diritti civili) con una cultura fondata sulla pace, il diritto e l’equa condivisione delle risorse attraverso veri negoziati.
Che il governo italiano ritiri le truppe nel mattatoio afghano, smantelli le armi nucleari stoccate nelle basi militari di Aviano e Ghedi, cessi di sperperare miliardi di euro per armamenti e di fornire ufficialmente armi, investimenti economici, collaborazioni scientifiche al governo israeliano condannato dalle istituzioni internazionali per la costruzione del Muro di segregazione, per i crimini di guerra a Gaza e l’occupazione coloniale dei Territori Palestinesi. Chiediamo la revoca degli accordi militari, commerciali, scientifici, culturali tra le istituzioni italiane e quelle israeliane.
Noi, in quanto cittadini italiani, statunitensi, europei, palestinesi, israeliani, curdi non accettiamo di essere considerati complici di questa politica di oppressione e di guerre preventive, chiediamo il ritiro delle truppe dall’Afghanistan e dall’Iraq, la cessazione di ogni complicità con gli apparati di guerra (basi militari, nuovi armamenti, spese militari), la revoca della partecipazione statunitense, italiana ed europea al vergognoso embargo contro la popolazione palestinese di Gaza ormai da quattro anni sotto assedio.

Comments Nessun Commento »

Anche a Trieste come nel resto d’Italia migliaia di persone tra cui moltissimi immigrati hanno partecipato alle iniziative per il primo marzo che a Trireste sono cominciate già in mattinata con una colazione collettiva seguita da danze ed interventi. A seguire un giro poetico attravesro le piazze di Trieste con letture poetiche da parte di donne immigrate coordinate da Sofia Quintero. Nel pomeriggio l’azione si sposta in Piazza Sant’Antonio da dove parte un corteo con lo scopo simbolico e anche concreto di cancellare dai muri le scritte ed i simboli razzisti. Azione che seguita a distanza dalla polizia ha buon esito. Dopo le cancellazioni ci si ritrova tutti quanti in Piazza Ponterosso da dove parte il corteo. Prima della partenza interventi e distribuzione dei simboli dell’amicizia da parte di un gruppo di donne moldave. Il corteo si snoda attraverso il centro accompagnato dalle note e dai tamburi dei musicisti di strada che sono intervenuti ad hoc per rallegrare la comitiva. Il corteo arriva dopo due ore in Piazza Unità dove si svolge un presidio finale. Nel frattempo una piccola delegazione viene accolta dal Prefetto di Trieste che sente le ragioni dei manifestanti e le loro richieste per quanto riguarda una maggiore attenzione ai problemi dei lavoratori immigrati. In serata festa finale all’Ethnoblog con musica e stuzzichini. Si rimanda alla prossima iniziativa perché il primo marzo deve essere tutto l’anno.

Edvino Ugolini

Comments Nessun Commento »

Il mondo dell’associazionismo pacifista si è riunito ad Assisi per una due giorni di confronti su varie tematiche in preparazione della marcia Perugia-Assisi che si svolgerà quest’anno il 16 maggio. Circa 350 delegati da tutta Italia hanno preso parte ai lavori coordinati dal Presidente della Tavola della Pace Flavio Lotti. Alla conferenza iniziale hanno partecipato tra gli altri don Luigi Ciotti di Libera, Roberto Natale, Presidente della Federazione Italiana della Stampa, Pier Virgilio Giulietti, portavoce di Articolo 21, Emanuele Giordana, direttore di Lettera 22, Korosh Danesh, responsabile del Coordinamento Immigrati e Fabio Ciconte di Amnesty International. Alla fine è stata proiettato il video sulla Perugia-Assisi a Gerusalemme.
Durante la seconda giornata sono state affrontate le seguenti tematiche in altrettante sessioni di lavoro:

- Giovani per la pace
- Cittadinanza e Costituzione
- Immigrazione
- Giovani amministratori e diritti umani
- Per la pace in Medio oriente
- Per la giustizia climatica

Alla fine delle sessioni i relativi coordinatori hanno fatto una sintesi dei lavori.
Il sottoscritto ha partecipato alla sessione sull’immigrazione ed è intervenuto sul primo marzo, sciopero degli immigrati.
Il prossimo appuntamento sarà il Forum della Pace che si svolgerà dal 14-15 maggio prima della marcia. Durante il Forum si svolgeranno:

- Il Meeting nazionale delle scuole per la pace
- Il Meeting dei giovani per la pace
- Conferenze, dibattiti, seminari e lezioni di pace.

Edvino Ugolini

Comments Nessun Commento »